Immediatezza

Immediata è la percezione della realtà per come ci si para davanti. Il considerare le cose come sono fatte, senza porre filtri in mezzo, è oggi considerato un pregio; invece tutto ciò che si mette fra noi e il mondo, fra noi e l’azione, fa contrasto, frena, rallenta il movimento nel quale siamo immersi. Il contrario dell’immediatezza è la mediazione: significa individuare una sorta di soggetto terzo che regola e definisce i rapporti fra le parti; vuol dire riconoscere che alcune sfere dell’esperienza umana non sono determinate direttamente dalla volontà del singolo, che alcune strutture si intersezionano fra l’io e la sua azione, addirittura fra l’io e la sua stessa individualizzazione, andando ad influenzarla.

Luglio 2018 | N°2


Mondi della Scuola

Rivoluzioni scolastiche su sfondo (sociale) piatto

La scuola è un luogo di mediazione fra presente e futuro. Immersa nello stato delle
cose dell’oggi forma i cittadini del domani. Che direzione sta prendendo questa istituzione? Attraverso la lettura di un caso, la flipped classroom, tentiamo di definirlo.

Mondi del Lavoro

Lavoro e libertà

Ogni riorganizzazione del sistema produttivo muta i modi di rapportarsi al lavoro.
Autonomia, libertà, realizzazione di sé distinguono, e insieme accomunano, i lavoratori subordinati e i lavoratori autonomi di seconda generazione. Ripercorrere la genesi
conflittuale del passaggio dalla verticalità all’orizzontalità può illuminare il presente.

  1. Incrostazioni
  2. Libertari. Il lavoro autonomo in Italia
  3. Freelance. Mercenari del terzo millennio
  4. Da verticale a orizzontale. L’immediatezza al lavoro
  5. Lavoro autonomo e subordinato
  6. Libertà al potere
  7. Mediazioni
WhatsApp e lavoro. Coinvolgimento, controllo e resistenza

Tra le più celebri innovazioni tecnologiche degli ultimi decenni troviamo le cosiddette
“applicazioni di messaggistica istantanea”, tra le quali WhatsApp si pone ancora come
protagonista. La pervasività tecnologica raggiunge anche il mondo del lavoro, concorrendo all’erosione di quei confini moderni che separano il tempo del lavoro da quello del non-lavoro.

Mondo della Politica

La storia recente ha reso pienamente visibile la crisi delle istituzioni che regolano la
nostra vita politica. Da più parti vengono proposte soluzioni inedite, e tutte quante,
benché in lingue diverse, ci dicono la stessa cosa: ciò che deve contare è la partecipazione immediata del singolo alle decisioni, alla politica. Ma più questa frase viene ripetuta,
più sembra suonare lontana, falsa, irreale.

Mondi in Internet

La bestia strana o la forma dell’internet

La forma che l’internet di oggi assume è il prodotto di 60 anni di storia. Viviamo però
nella percezione di internet come un elemento statico, al riparo dai processi storico-materiali, esattamente identico a quello che è. Percorrere la storia di internet come
conflitto tra idee, modelli e persone che l’hanno prodotto riesce a rendere più opaca
la naturalità con cui viviamo questo fondamentale mediatore del nostro quotidiano.

Il sangue della bestia. Del contenuto dell’internet

Dinnanzi allo schermo abbiamo la percezione di essere posti al centro dell’universo
informativo: accediamo e produciamo immediatamente contenuti, li condividiamo
e li commentiamo. Il mondo è alla nostra portata, oppure noi siamo alla portata del
mondo?


Riflessi

Il caso Moro ne Il tempo materiale di Vasta

su La pura superficie di Guido Mazzoni

Voci

Il lavoro autonomo di seconda generazione

La parola ai lavoratori: Giulia Cupani

Il lavoro autonomo di seconda generazione

Uno sguardo politico: Vladimiro Soli

Il lavoro autonomo di seconda generazione

La prospettiva del mutualismo: Chiara Faini, Smart Italia

La nuova era della scuola

P. Clément, G. Dreux, C. Laval, F. Vergne

I pedagogisti oggi sono gli economisti

Mino Conte

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: